Facebook Twitter Youtube

Primo piano

I punti forti dell’ultimo Consiglio Comunale di Ravello

1 giugno 2017

Candidatura a Capitale della Cultura 2020, Progetti di mobilità in Costiera Amalfiltana, rendiconto gestione esercizio 2016: questi i punti forti dell’ultimo Consiglio Comunale di Ravello.

Un Consiglio Comunale tutto volto al futuro in termini di progettualità e cultura quello che si è svolto ieri, 31 maggio 2017, nell’Aula Consiliare di Palazzo Tolla. Dopo qualche minuto di raccoglimento e silenzio dedicati alla scomparsa del caro Bonaventura Fraulo, le comunicazioni del primo cittadino, Salvatore Di Martino, hanno reso partecipi i presenti della grande occasione che vedrà Ravello e la Costiera Amalfitana in corsa per il conferimento del prestigioso titolo di Capitale della Cultura 2020. Nel seno di questa grande opportunità, si sono inserite ulteriori comunicazioni relative all’ingente finanziamento della Regione Campania destinato alla risoluzione del problema mobilità in Costiera Amalfitana e Sorrentina. Un ricchissimo quadro di progetti che andranno dagli impianti di risalita alle gallerie create ad hoc per decongestionare finalmente i centri costieri dai flussi turistici e “ fluidificarne” il passaggio con percorsi e mezzi alternativi rispetto agli autobus. Dopo un veloce ma significativo accenno alla situazione attuale dei rapporti fra Fondazione Ravello e Comune, anche questi mirati oramai ad una cooperazione che porterà alla gestione dei 3 beni, Villa Rufolo, Villa Episcopio ed Auditorium, si è entrati nel vivo degli argomenti all’ordine del giorno con l’adesione del Comune di Furore alla Cuc, il Regolamento disciplinante il funzionamento della Commissione V.I, l’approvazione del Regolamento per l’esercizio delle funzioni consultive in materia paesaggistico ambientale, la nomina della Commissione Locale per il Paesaggio e l’approvazione del rendiconto della gestione esercizio 2016. Importante sottolineare, come dimostrato dal Sindaco con dati alla mano, il notevole incremento di introiti derivanti dal nuovo piano parcheggi: il confronto è stato effettuato con una puntuale analisi degli incassi negli stessi mesi del 2016.
Fari puntati, dunque, nei prossimi mesi, sulle novità che investiranno Ravello in tema di progettualità e cultura, indicandone il nuovo corso, così come preannunciato dal programma elettorale del Gruppo di Maggioranza.