Facebook Twitter Youtube

Primo piano

LABORATORI FORMATIVI A RAVELLO, CITTA’ DEI GIOVANI attraverso POR FSE CAMPANIA 2014/2020 “BENESSERE GIOVANI- ORGANIZZIAMOCI”

4 luglio 2017

Con Decreto Dirigenziale n. 202 del 03.07.2017 – Avviso Pubblico- Benessere Giovani- Organizziamoci -Manifestazione di interesse per la realizzazione di Attivita’ Polivalenti (Legge Regionale n. 26 del 08/08/2016 – DGR N. 114 DEL 22/03/2016) D.D. n.527 del 30/11/2016 e D.D. n. 1 del 10/01/2017 è stato pubblicato l’elenco dei Progetti idonei e finanziati.

Altro successo per il Comune di Ravello che, con il Progetto FO.CU.S Formazione, Cultura e Spettacolo a Ravello Città dei Giovani, vedrà presto la realizzazione, presso l’Auditorium Oscar Niemeyer, di  LABORATORI FORMATIVI

I laboratori che verranno attivati, grazie al sostegno della Regione, saranno:

LAB1 per il sostegno e l’accompagnamento alla creazione di un’impresa giovanile di servizi integrati per la salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio culturale  materiale e immateriale “Auditorium Niemeyer;

LAB2 per l’educazione permanente dei giovani alle belle arti;

LAB3 per la formazione “in situazione”  (imprese specializzate) di tecnici del suono (Produzione audiovisiva e dello spettacolo dal vivo) – Corso propedeutico all’acquisizione della qualifica regionale

A tal scopo il Comune intende rendere disponibile, proprio all’interno dell’Auditorium Niemeyer, uno spazio multifunzionale, fisico e virtuale, di incontro, confronto,  socializzazione, aggregazione e crescita professionale,  sede di un sistema integrato di laboratori , di carattere espressivo, artistico e tecnico, progettati e gestiti dall’associazionismo giovanile locale, consorziato e in partenariato stabile con  istituzioni culturali e imprenditoriali e in rete con la società civica organizzata e  il mondo imprenditoriale del territorio , in grado di garantirne  l’acquisizione di saperi ed esperienze pratiche fondamentali per la sostenibilità dell’iniziativa.

Entusiata il Sindaco di Ravello che, coadiuvato dal lavoro del proprio staff, ha portato a segno un altro obiettivo fondamentale per la crescita sociale e culturale del paese.

Un progetto a sostegno dei giovani, sostiene Di Martino, quelli che semplicemente abitano a Ravello e nell’intera costiera amalfitana, ma soprattutto quelli che studiano nei conservatori, nei licei musicali, nelle accademie d’arte e di spettacolo, nelle scuole specialistiche, tecniche e artistiche, e che vorrebbero che il proprio talento o la propria abilità artistica o tecnica possa diventare un vero e proprio lavoro, autonomo, ma strutturato in termini manageriali o imprenditoriali in maniera tale da consentire loro di svolgere nei nostri luoghi anche quello di custodi e animatori permanenti di un patrimonio che nonostante la tutela istituzionale rischia di non essere fruibile dalle generazioni future.

Un impegno e una responsabilità che solo loro possono sentire di poter assumere, magari decidendo di non andare a vivere e soprattutto a lavorare altrove, visto che il Comune vuole fare tutto il possibile per coinvolgerli attivamente, facilitando il loro accesso a tutte le opportunità e gli aiuti pubblici che la regione, lo stato e l’Europa possono offrire.

Questo a partire dall’iniziativa Ben-essere giovani, un piccolo inizio che può generare, grazie al partenariato con la Fondazione Ravello, il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali ed il coinvolgimento di tutte le realtà giovanili del paese, un grande cammino per tutti coloro che ci crederanno.