Facebook Twitter Youtube

comunicati stampa

Ravello. Nodo sanità al centro dell’incontro della conferenza dei sindaci

5 marzo 2014

Il rischio idrogeologico in costiera amalfitana, oltre a creare ovvi disagi alla viabilità, mette in serio pericolo l’incolumità dei cittadini bisognosi di cure mediche, rendendo indispensabile un potenziamento del pronto soccorso dell’ospedale Costa d’Amalfi di Ravello.
Se ne è discusso questo pomeriggio nel corso della conferenza dei sindaci dei 13 comuni dell’area presieduta da Antonio Della Pietra.
“Un esempio lampante delle difficoltà è quello che sta avvenendo in queste ore, con il valico di Chiunzi chiuso, la statale sia in direzione di Positano che di Salerno teatro di frane – spiega il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier – La sicurezza sanitaria in costiera resta assicurata dall’ospedale Costa d’Amalfi  capace, come ha tante volte dimostrato di  riuscire a salvare vite e di stabilizzare il cittadino bisognoso, magari colpito da gravi infarti o ictus. Una struttura che non serve solo nei dieci mesi di stagione turistica, ma ancor di più nei mesi invernali, in cui il rischio isolamento è davvero elevato. Per questa ragione salvaguarderemo la sua esistenza e soprattutto la sua qualifica di pronto soccorso, per il quale si rende opportuno un ampliamento per aumentare la capienza, in modo da poter accogliere più persone e per un tempo prolungato”.