Facebook Twitter Youtube

comunicati stampa

Resoconto del Consiglio Comunale celebratosi ieri, 13 marzo, presso Palazzo Tolla

14 marzo 2017

Partecipazione e semplificazione: questi i due leitmotiv che hanno tenuto banco nel Consiglio Comunale tenutosi ieri, 13 marzo, presso Palazzo Tolla. Partecipazione assicurata dall’istituzione, assolutamente innovativa, del Question Time che ha dato i propri risultati in termini di presenza dei cittadini alla seduta consiliare con la  possibilità di interrogare l’Amministrazione su argomenti nevralgici o a cuore della cittadinanza; semplificazione nell’ottica di ottenere una  maggiore intellegibilità e fluidità per alcuni regolamenti trattati.  Per questo fa riflettere amaramente   la scelta di abbandonare la seduta da parte dei Consiglieri di Minoranza del Gruppo “ Insieme per Ravello”: evidentemente erano in difficoltà, oppure obnubilati.

Dalla semplice lettura della convocazione del Consiglio Comunale,  era  fin troppo evidente che, seppure la convocazione era fissata alle ore 16,00, si intendeva che a partire da quell’ora vi era il Question Time, della durata di 30 minuti all’inizio della seduta Consiliare. In quel lasso di tempo, il Consiglio Comunale opera in seduta pubblica ed aperta, senza necessità di verifica del numero legale.
Da tanto discende che la seduta era prevista, con l’appello dei presenti, alle ore 16.30.
Se questo è vero, come è vero, che  la mezz’ ora di tolleranza scadeva  alle ore 17.00, se è vero, come è vero, che hanno abbandonato alle 16.40,  e se è vero, come è vero, che l’appello era iniziato alle ore 16.50, è senz’altro vera la volontà di sfuggire ad un ordine del giorno a loro poco gradito!
In sintesi, come si evidenziava dalla convocazione, c’erano molti punti e regolamenti prevalentemente tecnici: riconoscimento di alcuni debiti fuori bilancio, derivanti da scarsa capacità e attenzione della passata compagine amministrativa.
L’argomento tecnico forse più rilevante, quello relativo alla modifica dell’imposta di soggiorno,  con l’abolizione totale  del “balzello”  nei periodi di bassa stagione, dal 1 Novembre 2017  al 31 marzo 2018, per andare incontro a tutti gli operatori, specialmente del comparto Alberghiero ed  extra Alberghiero, con una conseguenza sull’indotto. Inoltre, per elementi di legge e  di corretta pianificazione,  dal 1 Aprile 2018 al 31 Ottobre, si è semplificata l’applicazione prevedendo un’ unica “tariffa”,  ovviamente in relazione alla categoria di appartenenza.