La pastiera

Dolce della Pasqua per eccellenza ha visto una lunga evoluzione da sformato di pasta del giorno prima a cui si aggiungeva una farcia dolce, fatta di ricotta e canditi fino a giungere all’attuale composizione, creata da pasta frolla esterna, riempita di ricotta, grano (una variante moderna prevede anche il riso) cotto, crema e canditi. Fondamentale è lo strutto da usare nella frolla e la decorazione della parte superiore con strisce di pasta intrecciate, sì da creare una scacchiera. Immancabile nell’impasto di farcitura la presenza di canditi (arancia, cedro e zucca lunga) e di estratto di fior d’arancio, che danno il profumo di primavera a questo dolce. Una spolverata di zucchero a velo dopo che il dolce ha terminato la cottura in forno e si è raffreddato completa l’opera. La pastiera è la componente della pasticceria che accompagna gli abitanti di Ravello anche nel picnic di pasquetta e in quello dell’Ottava di Pasqua.